Estimated reading time for this article: 4 minutes

Buone notizie per chi ha bisogno di Urban Music per le colonne sonore dei propri progetti creativi!

Abbiamo incontrato Tommaso Zanello, meglio conosciuto come Piotta insieme a Federica Aielli che si occupa di gestione delle licenze musicali e della consulenza artistica per MILK. Lo scopo dell’incontro è stato quello di descrivere la collaborazione tra MILK e La Grande Onda, l’etichetta che fa capo a Tommaso.

Bricks by MILK

Bricks by MILK è il portale che offre, nello stesso posto, i due mattoni indispensabili per la finalizzazione dei progetti creativi: Musiche e Voci.

Un ampio catalogo di tracce di alta qualità tra le quali cercare la soluzione ideale per raggiungere l’obiettivo grazie a un sistema avanzato di filtri di ricerca e al supporto dei professionisti di Milk Studios che possono essere facilmente contattati quando necessario.

Per semplificare ancora di più il lavoro, Bricks consente di ordinare i componenti in progetti e playlist che possono essere condivisi rapidamente con i colleghi e con i clienti grazie alla modalità White Label. Questa è pensata per celare l’identità di Bricks e rendere disponibili i contenuti con la massima discrezione.

Con Bricks by MILK si riducono i tempi di ricerca visto che Musica e Voci sono disponibili in uno stesso spazio.

Bricks by MILK mette anche a disposizione una guida step-by-step per consigliare il cliente su vari aspetti.

Si va dalla scelta delle voci alla loro direzione artistica, dalla selezione della musica al sound design.

L’obiettivo è creare un prodotto unico e di qualità elevata… mattone dopo mattone.

Bricks by MILK

La Grande Onda

È una label indipendente che produce, promuove, pubblica e distribuisce progetti discografici caratterizzati da sonorità urban.

Si avvale di partner quali Artist First, Audioglobe, Edel, Goodfellas, Self, Warner Chappell, Universo, Universal al fine di garantire ai suoi artisti maggior visibilità possibile ed una distribuzione capillare, fatta a misura del loro progetto, sia sul territorio che su tutte le piattaforme digitali.

I lavori pubblicati hanno riscosso successo di critica, dal web alle riviste specializzate, trovando spazio nei canali radiofonici e televisivi tradizionali, così come nei nuovi media.

Numerosi i brani richiesti per compilation e colonne sonore, dal film Scialla alle serie Netflix Suburra, dalle storiche compilation Hitmania e Hot Club a quelle del Festival di Sanremo, dalle sigle radio/tv alle pubblicazioni di Rai Trade.

L’etichetta è dotata di proprie infrastrutture per realizzare sia provini che brani finiti (fino ad arrivare al Mastering di questi).

Sulla base di esigenze specifiche si può ricorrere, ovviamente, a studi di registrazione, mix e mastering esterni.

Piotta (foto Alfredo Villa)
Piotta (ph. by Alfredo Villa)

L’etichetta è nata nel 2004 in concomitanza con la partecipazione al Festival di Sanremo. In un primo momento come divisione editoriale a supporto dell’attività dell’artista. Successivamente si è evoluta per gestire la coedizione di artisti quali, ad esempio, Cor Veleno.

Dal 2005 La Grande Onda diventa una vera e propria etichetta di produzione discografica. Il primo album è Il mio primo e ultimo disco di Jesto.

Da allora sono stati pubblicati circa 1200 brani raccolti in più di 100 pubblicazioni (sia album che singoli) distribuiti nei vari formati disponibili (CD, vinile, piattaforme digitali).

Il lavoro fatto per Netflix con Suburra ha visto la nascita di una collaborazione con l’etichetta Altafonte che, presente in 15 paesi, ha dato la possibilità a La Grande Onda di espandere la sua influenza anche in America Latina e, più in generale, all’estero.

La Grande Onda e la musica per video

L’esperienza di Tommaso nella realizzazione di musica per video è iniziata inserendo alcuni brani nei film dei Manetti Bros. Si tratta, in particolare, di Torino Boys e Zora la vampira. La collaborazione è proseguita con Il segreto del Giaguaro interpretato dallo stesso Piotta.

Tra le esperienze successive vale la pena di citare la colonna sonora della prima serie di Suburra per Netflix che è stata distribuita in 192 paesi.

La seconda serie è stata realizzata durante il primo lockdown (da marzo 2020) superando tutte le difficoltà che questa condizione operativa imponeva e nonostante gli standard operativi e di qualità del prodotto imposti dalle specifiche di Netflix.

Anche la terza serie vede la partecipazione di Tommaso sia per la sigla che nella realizzazione delle musiche di commento composte insieme a Francesco Santalucia.

Vale la pena di citare la notevole esperienza sviluppata grazie alle collaborazioni con altre realtà tipica delle produzioni di questi tempi. Succede spesso che, per lo stesso progetto, siano coinvolti vari editori (anche sei contemporaneamente) con esigenze e modalità operative diverse.

Negoziare, redigere e gestire la contrattualistica diventa un’operazione non banale complicata, negli ultimi due anni, dalla impossibilità di viaggiare.

La collaborazione tra MILK e La Grande Onda

La collaborazione nasce grazie alla conoscenza diretta (per precedenti esperienze condivise) tra Federica e Tommaso. La coesistenza di una collaborazione professionale proficua e di un giusto rapporto umano hanno favorito il contatto e la nascita della partnership.

Il progetto consiste nel mettere insieme forze compositive in grado di fornire il giusto mix di sonorità urban per supportare progetti artistici, pubblicitari e/o di altra tipologia.

Sono state già individuate una cinquantina di composizioni realizzate da artisti quali: Davide Borri, Matteo Swan, Promo L’Inverso e Jockbeatz.

L’idea è di proporre sia brani cantati che strumentali con sonorità di vario tipo (Rap, Trap, Break Beat, Elettronica, R&B e, più in generale Urban) e provenienti da varie epoche (dagli anni ’90 a oggi) in modo da supportare al meglio tutti i tipi di produzione.

Chi realizza la colonna sonora di un progetto è , in fondo, uno “scenografo della musica” che ha la necessità di proporre un commento coerente col periodo di ambientazione e rigoroso nelle citazioni.

Per questo gli artisti sono stati selezionati includendo gusti differenti. Dal tradizionale al più moderno.

Nuove proposte arriveranno nel seguito con l’obiettivo di arricchire e rafforzare l’offerta.

Per evitare le problematiche legate al clearing dei diritti, tutte le musiche proposte saranno realizzate senza campionamenti.

Piotta (foto Alfredo Villa)
Piotta (ph. by Alfredo Villa)

Per concludere

La collezione di Bricks by MILK si sta arricchendo di nuova musica con un suono moderno e, come dice Federica: “sul pezzo”.

Non vi resta che rimanere sintonizzati per accedere ai nuovi, imperdibili, contenuti.

Sono un ingegnere elettronico con la passione per la musica ed il suono. Mi sono avvicinato alla musica da autodidatta (salvo una breve parentesi alla University of the Blues di Dallas) e ho suonato nei peggiori locali italiani (con casuali puntate all'estero). Ho costruito la mia prima radio FM appena finita la terza media. Ho continuato con amplificatori a valvole e transistor fino ad arrivare alla produzione di circuiti integrati. Collaboro da anni con varie riviste (cartacee e web) di musica nelle quali mi occupo di recensioni di strumenti musicali e sistemi per l'elaborazione del suono. Trovate le mie pubblicazioni su Accordo (accordo.it), la rivista Chitarre (dal 2010 al 2015) e su Audio Central Magazine (audiocentralmagazine.com). Produco musica da un po' nello NTFC Studio che serve sostanzialmente per le produzioni di NTFC Band.